ProLoco Formia



Impara la lingua Formiana

Proverbi Formiani presi dal libro  "Glie ditte antiche nen sbeglieno mèje" del Professor Giovanni Bove.

 

  • Pigliete glie juórne buóne quànno vènno, ca chiglie malamènte nen màncano mèje.

Pigliatevi i giorni buoni quando vengono, perché quelli cattivi non mancano mai.

  • Stipa ca truóve.

Se metti le cose da parte le ritrovi.

  • Chi mèje cumènza, mèje fenìsce.

Chi mai inizia, mai finisce.

  • Chi vénce cummànna e capìsce.

Chi vince comanda e capisce.

  • Gliù sàzio nen créde a gliù dajùno.

Il sazio non crede al digiuno.

  • Gliù pùrpo se cóce co' l'acqua sia stessa.

Il polipo si cuoce nella sua stessa acqua.

  • Lu vino buóno, se vénne sènza frasca.

Il vino buono si vende senza frasca.

  • Chéllo can en succéde adénto a n'anno, po' succéde adénto n'óra.

Quallo che non succede in un anno può succedere in un'ora.

  • Mazza e panèlle fanno glie figlie bèglie; panèlle sènza mazza fanno glie figlie pazze.

Bastone e pagnotte fanno i figli belli, pagnotte senza bastone fanno i figli pazzi.

  • Vò tené la ótta péna e la mugliéra mbriéca.

Vuoi tenere la botte piena e la moglie ubriaca.

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.